VATS Symposium
Chirurgia toracica
Xagena Mappa
Medical Meeting

Isterectomia mininvasiva versus isterectomia addominale radicale per il tumore della cervice


Ci sono pochi dati da studi retrospettivi riguardo alla possibilità che gli esiti di sopravvivenza dopo isterectomia radicale laparoscopica o robot-assistita ( chirurgia mini-invasiva ) siano equivalenti agli esiti dopo isterectomia radicale addominale a cielo aperto ( chirurgia a cielo aperto ) tra le donne con carcinoma della cervice in stadio precoce.

In uno studio che ha coinvolto pazienti con carcinoma della cervice in stadio IA1 ( invasione linfovascolare ), IA2, IB1 e un sottotipo istologico di carcinoma a cellule squamose, adenocarcinoma o carcinoma adenosquamoso, sono state assegnate in modo casuale le pazienti a interventi di chirurgia mininvasiva o a chirurgia a cielo aperto.

L'esito primario era il tasso di sopravvivenza libera da malattia a 4.5 anni, con una non-inferiorità dichiarata se il limite inferiore della differenza tra gruppi ( chirurgia mini-invasiva meno chirurgia a cielo aperto ) era superiore a -7.2 punti percentuali ( cioè più vicino allo zero ).

In totale 319 pazienti sono state assegnate alla chirurgia mini-invasiva e 312 alla chirurgia a cielo aperto.
Tra le pazienti che sono state assegnate e sottoposte a chirurgia mini-invasiva, l'84.4% è stato sottoposto a laparoscopia e il 15.6% a chirurgia assistita da robot.
Complessivamente, l'età media delle pazienti era di 46 anni.
La maggior parte delle pazienti ( 91.9% ) aveva una malattia in stadio IB1.

I due gruppi erano simili riguardo a sottotipi istologici, tasso di invasione linfovascolare, tassi di coinvolgimento del parametrio e del coinvolgimento linfonodale, dimensione del tumore, grado di tumore e tasso di utilizzo della terapia adiuvante.

Il tasso di sopravvivenza libera da malattia a 4.5 anni è stato dell'86.0% con la chirurgia mini-invasiva e del 96.5% con la chirurgia a cielo aperto, con una differenza di -10.6 punti percentuali.

La chirurgia mini-invasiva è risultata associata a un tasso più basso di sopravvivenza libera da malattia rispetto alla chirurgia a cielo aperto ( tasso a 3 anni, 91.2% vs 97.1%, hazard ratio per recidiva o morte per cancro della cervice, 3.74 ), una differenza che è rimasta dopo aggiustamento per età, indice di massa corporea, stadio della malattia, invasione linfovascolare e coinvolgimento linfonodale; la chirurgia mini-invasiva è risultata anche associata a un più basso tasso di sopravvivenza globale ( tasso a 3 anni, 93.8% vs 99.0%, hazard ratio per morte per qualsiasi causa, HR=6.00 ).

In conclusione, in questo studio, l'isterectomia radicale minimamente invasiva è risultata associata a tassi più bassi di sopravvivenza libera da malattia e sopravvivenza globale rispetto all'isterectomia radicale addominale a cielo aperto tra le donne con carcinoma della cervice in fase iniziale. ( Xagena2018 )

Ramirez PT et al, N Engl J Med 2018; 379: 1895-1904

Onco2018 Gyne2018 Chiru2018



Indietro